Errori da evitare

Molti dimenticano che al prezzo dell'immobile bisogna aggiungere circa un 10% per le spese.
Oltre all'iva (se la casa è nuova) o l'imposta di registro (se la casa è di seconda mano) ci sono le imposte catastali. Senza dimenticare l'eventuale caparra, che, sebbene si recuperi (non scendiamo qui nei problemi che si creano quando non si recupera), è pur sempre un esborso non di poco conto e può bloccare del denaro non sempre a buon fine.

Non si fanno i conti sul mutuo, che comporta anche spese e imposte.
L'imposta ipotecaria vale in genere il 2% dell'importo del mutuo, senza dimenticare che molte banche vogliono una assicurazione sul mutuo, che serve per cautelarsi contro i rischi come la perdita del posto di lavoro o il decesso del contraente.

Imposte e spese extra.
L'acquirente dimentica che essere proprietari di una casa significa pagare delle spese condominiali tutti i mesi ed altre extra una tantum, che possono essere anche molto alte. Le case hanno bisogno di manutenzione, per non parlare delle spese comuni (facciata, antenna, ascensore, ecc.). nel caso poi di una casa indipendente le spese sono ancora più elevate.

Chiedere un mutuo con lunghe scadenze.
Oltre i 25 anni non conviene comprare:
calcolando tutti gli interessi la casa diventa troppo cara.

Fare debiti al di sopra del 30% delle proprie entrate.
La banca d'Italia consiglia che la quota del mutuo, sommata al resto dei debiti (la rata della macchina, carta di credito, prestiti personali) non sfori il 35-40% del reddito dei titolari del mutuo.

Comprare una casa non è come comperare una macchina.
E' una decisione che può avere delle ricadute sui prossimi trenta anni, un lasso di tempo in cui può succedere di tutto: nascite, morti, divorzi, opportunità di lavoro in altri stati o in altre città.

Non cosultare il notaio prima della firma di atti importanti come proposte di acquisto e preliminari di vendita.
Per esempio, non tutti sanno che i beni provenienti da donazione sono soggetti all'azione di revoca da parte di eventuali eredi defraudati dei loro diritti. Per questo motivo molte banche non concedono un mutuo per l'acquisto di un immobile proveniente da donazione. in questo come in altri casi il parere di un esperto può prevenire eventuali brutte sorprese.